Scrima, Cisl-scuola: Con la politica degli annunci Profumo sta scatenando una guerra tra poveri

Scrima: In una situazione del genere ci vogliono equilibrio e senso di responsabilità al fine di evitare polemiche, demagogie e strumentalizzazione. Quando si toccano temi come il precariato bisogna essere cauti: un mondo come quello del precariato, è composto da soggetti che molto spesso hanno interessi configgenti e per quetso motivo bisogna sforzarsi di fare sintesi chiare e non demagogie. Intervista di Daniela Sala al segretario CISL

Da parte di tutti, a cominciare dal responsabile politico del Ministero (Francesco Profumo, ndr) che non può annunciare la riapertura del canale di reclutamento perché abbiamo i docenti più vecchi d'Europa, con una media d'età intorno che supera i 50 anni, e poi dopo una settima rilasciare un'altra dichiarazione dicendo che possono partecipare al concorso solo gli abilitati, chiudendo l'accesso ai neolaureati.

Ecco, riguardo ai requisiti richiesti per partecipare al concorso quali sono le vostre richieste?

Il Ministro è obbligato a richiedere l'abilitazione quei requisti perché si sta facendo un bando di concorso sulla base di quello che prevede il Testo Unico 297 del 1994 e di un regolamento del del 1998 (n. 460), e nel decreto si dice a chiare lettere che il concorso non è più abilitante e che possono partecipare solo i candidati in possesso di abilitazione e i laureati entro il 2001, 2002 o 2003. Insomma finchè non si mette mano al regolamento c'è poco da fare. E pensare che dal 2007, dai tempi del Ministro Fioroni il Parlamento ha dato delega al Governo per riformarlo. Come si può così sperare di dare spazio ai giovani?

Inoltre dobbiamo considerare lo scarto tra domanda e offerta che incide su clima psicologico in cui si svolge il concorso: noi abbiamo 600mila posti in organi

Esuberi e riconversioni sul sostegno: non è facile essere obiettivi

Liborio Butera - "La questione relativa alla riconversione sul sostegno, come era ovvio, continua a sollevare un polverone di polemiche sterili ed immotivate. Alla base cè semplicemente il sacrosanto diritto della difesa del posto di lavoro, ma a volte viene difeso a scapito degli stessi precari storici come denuncia questo docente. Quelli specializzati sul sostegno lo fanno scrivendo a destra e manca, a volte riportando grossolane imprecisioni.

Fra questi il collega Giuseppe Crisà, docente precario specializzato, che risponde ad una mia riflessione

La prima affermazione che fa è: Non è vero che il docente in esubero riconvertito sul sostegno lascia il posto al precario, perché proprio per la condizione di esubero, non vi è il posto per quella classe di concorso (se no non sareste stati esuberati).

Il collega, affermando ciò, conferma fino in fondo di non conoscere il sistema scuola, dovrebbe invece sapere della distinzione fra organico di diritto ed organico di fatto, questo gli permetterebbe di capire che per finire in

esubero non bisogna perdere tutte le ore, come erroneamente invece lui immagina, ma solo una parte di esse. La restante (ciòè quella che non si perde), va a comporre appunto lorganico di fatto per poi essere riassegnata ai docenti soprannumerari. Non essendoci più il soprannumerario perchè riconvertito, questa parte sarà inevitabilmente assegnata al precario iscritto nelle graduatorie.

Vorrei ricordare scrive ancora che i docenti di sostegno, ormai da più anni, ed in particolare nella secondaria di secondo grado, non solo sono sufficienti, ma addirittura sono loro stessi in esubero, costretti ad iscriversi nelle liste salva precari in attesa di sostituire i colleghi per malattie, maternità o altro".

Anche qui dimostra di essere più realista del re, sconfessando

Diventare insegnanti: notizie su docenti con 360 giorni di servizio e corsi Clil

Il Ministero sta studiando un corso abilitante apposito per docenti in possesso di determinati requisiti di servizio, nel frattempo il I ciclo TFA viene bandito secondo le regole ormai defnite circa la valutazione del servizio. Si susseguono in redazione i commenti sui "360isti", i docenti che chiedono di entrare in sovrannumero al TFA senza test di ingresso. Pubblichiamo la nota di attivazione dei corsi Clil, destinati in questa prima fase ai docenti in servizio nei Licei Linguistici. Non si placano le polemiche sulla chiamata diretta in Lombardia, in attesa della manifestazione indetta per sabato 21 aprile. TFA in Valle d'Aosta solo dall'a.a. 2012/13.

Il Ministero dà avvio ai corsi CLIL, necessari per l'insegnamento in lingua straniera dal 2012/13 di una disciplina non linguistica. Raccolte finora 16.000 candidature (10.000 docenti a tempo indeterminato e 6.000 a tempo determinato). La nota con la distribuzione dei corsi in ogni regione.

Posti disponibili per il TFA divisi per classe di concorso e Università

Dopo le indiscrezioni di questa mattina, pubblichiamo il documento ufficiale del MIUR con la localizzazione presso le sedi universitarie dei corsi di abilitazione per tutte le classi di concorso interessate, nonchè i posti messi a concorso.

Definizione dei posti disponibili a livello nazionale per le immatricolazioni ai corsi di Tirocinio Formativo Attivo per labilitazione allinsegnamento nella scuola secondaria di primo e di secondo grado, per la.a. 2011-12

VISTO il decreto legge 16 maggio 2008, n.85 convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n.121 e, in particolare, lart.1, comma 5;

VISTO il decreto 22 ottobre 2004, n.270 " Modifiche al regolamento recante norme in materia di autonomia didattica degli atenei, approvato con decreto del Ministro delluniversità e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n.509

VISTO il Regolamento concernente " Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalità della formazione iniziale degli insegnanti della scuola dellinfanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, ai sensi dellart.2, comma 416 della legge 24 dicembre 2007, n.244" di cui al decreto 10 settembre 2010, n.249 e, in particolare gli articoli 3, comma 2 , lettera b) e 5, commi 1 e 2;

VISTO lart.15 del richiamato D.M. 10 settembre 2010, n.249 e, in particolare il comma 4;

VISTO il D.M. 4 aprile 2011, n. 139 di attuazione al predetto D.M. n.249/2010;

VISTA la rilevazione sul fabbisogno di personale docente nelle scuole secondarie di I e di II grado per ciascuna classe di abilitazione, maggiorato nel limite del 30 per cento in relazione al numero di pensionamenti previsti, effettuata dalla Direzione generale per il personale scolastico, pari a complessivi 4.626 posti per il TFA per la scuola secondaria di primo grado e 5.659 posti per il TFA per la scuola secondaria di secondo grado;

VISTA la nota in data 5 agosto 2011 n.81 della Direzione generale, lo studente e il diritto allo studio, con cui sono state fornire indicazioni alle Università in ordine alle modalità e termini per formulare le proposte di istituzione e attivazione dei corsi di TFA relativi a ciascuna classe di abilitazione, rispettivamente per linsegnamento nella scuola secondaria di I e di II grado, previa acquisizione del parere favorevole del rispettivo Comitato regionale di coordinamento integrato con il Direttore dellUfficio scolastico regionale;

VISTA la nota della Direzione generale, lo studente e il diritto allo studio, del 12 settembre 2011 n. 241 con cui gli Atenei sono stati invitati ad indicare per ciascuna classe di abilitazione la propria offerta formativa in rapporto alle capacità ricettive in termini di disponibilità di studenti iscrivibili ai corsi di TFA;

VISTA lofferta formativa proposta da ciascun Ateneo rispettivamente pari a complessivi 7.239 posti per il TFA per la scuola secondaria di I grado e 19.125 posti il TFA per la scuola secondaria di II grado;

CONSIDERATO che relativamente al TFA per la scuola secondaria di I e di II grado la predetta offerta risulta complessivamente superiore al citato fabbisogno e concentrata su alcune classi di concorso e carente per altre;

CONSIDERATO di dover tener conto della dimensione delle classi, della loro articolazione adeguata alla organizzazione e alla fruibilità dei corsi di TFA ;

RITENUTO di correlare le proposte di TFA per la scuola secondaria di I e di II grado presentate dagli Atenei con il fabbisogno del sistema istruzione ai sensi di quanto sopra riportato;

RITENUTO, sulla base della compiuta istruttoria, di determinare per lanno accademico 2011-2012 la programmazione a livello nazionale del Tirocinio Formativo Attivo per linsegnamento nella scuola secondaria di I e di II grado;

RITENUTO di dover disporre la ripartizione dei posti stessi tra le università;

VISTI i pareri del Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione in data 30 dicembre 2011e del Ministro delleconomia e delle finanze in data 24 febbraio 2012, previsti dallart. 5 del DM n. 249/10;

D E C R E T A:

Art. 1

1. Per lanno accademico 2011/2012, i posti disponibili a livello nazionale per le immatricolazioni al Tirocinio Formativo Attivo per linsegnamento nella scuola secondaria di I grado sono pari a complessivi 4.275 posti, definiti in ambito regionale per ciascun Ateneo e nel numero indicato per singola classe di concorso di cui alla Tabella A allegata, che costituisce parte integrante del presente decreto.

2. Per lanno accademico 2011/2012, i posti disponibili a livello nazionale per le immatricolazioni al Tirocinio Formativo Attivo per linsegnamento nella scuola secondaria di II grado sono pari a complessivi 15.792, definiti in ambito regionale per ciascun Ateneo e nel numero indicato per singola classe di concorso di cui alla Tabella B allegata, che costituisce parte integrante del presente decreto.

Il presente decreto è in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Roma, 14 marzo 2012

IL MINISTRO

F.TO FRANCESCO PROFUMO

Concorso a dirigente: il TAR Campania dichiara nuovamente

la sua incompertenza territoriale

Proseguono le dichiarazioni di incompetenza dei TAR regionali in merito ai ricorsi di sospensione cautelare del concorso a dirigente scolastico.

Dopo quelli di Puglia, Sardegna,Calabria e Lombardia, il TAR Campania con ordinanza in data 27 febbraio , accogliendo espressamente alcuni passaggi dell'atto di intervento ad opponendum presentato nell'udienza dai legali dell'ANP, ha dichiarato la propria incompetenza territoriale in favore del TAR Lazio.

Va notato che lo stesso TAR si era già espresso in tal senso con un'ordinanza del 12 gennaio scorso.

Diamo anche notizia del rigetto, da parte del Consiglio di Stato, dell'appello di una ricorrente avverso un'ordinanza del TAR Lazio con la quale veniva respinta l'ennesima domanda di sopensione cautelare del concorso.

Nonostante la estrema positività di questi risultati, ottenuti con il determinante intervento di Anp, siamo ancora nella fase dell'esame delle richieste di sospensione cautelare.

La controversia, quindi, non è ancora giunta al termine in quanto sta per aprirsi la decisiva fase di merito, nella quale i giudici esamineranno in concreto le censure presentate dai ricorrenti. In tale fase è necessario che i controinteressati siano presenti in giudizio per opporre le opportune controdeduzioni.

Miur: Tfa entro giugno 2012. Accelerata anche sul concorso.

Miur: Tfa partirà entro giugno 2012. I numeri, regione per regione

Ufficio Stampa MIUR Per la scuola secondaria di primo grado 4.275 posti per quella di secondo grado 15.792 Il Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca rende noto, dopo aver acquisito i pareri favorevoli del Ministero per la Pubblica amministrazione e semplificazione e del Mef, il numero dei posti disponibili per le immatricolazioni al Tirocinio Formativo Attivo per la scuola secondaria di primo e secondo grado.

Il TFA è un corso di preparazione allinsegnamento di durata annuale istituito dalle università che attribuisce allesito di un esame finale, il titolo di abilitazione allinsegnamento in una delle classi di abilitazione previste dal d.m. n. 39/1998 e dal d.m. n. 22/2005.

Il Miur prevede di avviare le prove di accesso al TFA entro e non oltre giugno 2012.

I NUMERI

Scuola secondaria di primo grado Per lanno accademico 2011/2012 i posti disponibili per le immatricolazioni al Tfa per linsegnamento nella scuola secondaria di primo grado sono 4.275, definiti in ambito regionale per ciascun ateneo.

Scuola secondaria di secondo grado Per le immatricolazioni al Tfa per linsegnamento nella scuola secondaria di secondo grado invece, i posti disponibili sono 15.792.

RIPARTIZIONE GEOGRAFICA

Regione TFA I Grado TFA II Grado

ABRUZZO 130 580

BASILICATA 60 135

CALABRIA 190 685

CAMPANIA 435 945

EMILIA ROMAGNA 298 1116

FRIULI-VENEZIA GIULIA 65 214

LAZIO 595 2690

LIGURIA 80 187

LOMBARDIA 501 2306

MARCHE 215 695

MOLISE 80 270

PIEMONTE 130 320

PUGLIA 530 1770

SARDEGNA 140 534

SICILIA 335 1610

TOSCANA 190 753

TRENTINO ALTO-ADIGE 66 87

UMBRIA 70 305

VENETO 165 590

CHI PUO ACCEDERVI

Il d.m. n. 249/2010 che regola il sistema di formazione iniziale del personale docente stabilisce che, in regime transitorio, possono conseguire labilitazione per linsegnamento nella scuola secondaria di I e II grado, attraverso il tirocinio formativo attivo:

*coloro che alla data di entrata in vigore del regolamento sono in possesso dei requisiti previsti dal d.m. n. 22/2005 per laccesso alle scuole di specializzazione per linsegnamento secondario e i possessori di laurea magistrale corrispondente a una delle lauree specialistiche cui fa riferimento il d.m. n. 22/2005;

* coloro che nellanno accademico 2010-2011 risultano iscritti a uno dei percorsi finalizzati al conseguimento di uno dei suddetti titoli;

* coloro che sono in possesso del diploma ISEF, già valido per laccesso allinsegnamento di educazione fisica. Roma, 27 febbraio 2012

Il Ministro Profumo, a margine della visita allIsis Malignani di Udine, ha parlato dellatteso concorso per il reclutamento dei futuri docenti.

Le parole del Ministro "in queste settimane i tecnici del dicastero stanno facendo una valutazione di che cosa abbia comportato in termini di quiescenze e di disponibilità il nuovo regolamento del governo sulle pensioni" .

"Stiamo facendo una valutazione in modo attento sulle diverse classi di concorso e questa sarà la base per poter procedere" .

"I dati saranno pronti entro un paio di mesi".

1. Milleproroghe e abilitati U.E. - il pasticcio è fatto (25/02/2012)

Fabio Albanese - Purtroppo non si può che prendere atto che, con il voto di ieri, lo Stato italiano ha deciso una nuova misura discriminatoria nei confronti dei docenti con l'abilitazione comunitaria riconosciuta in Italia.L' esplicita e voluta esclusione dei docenti con qualifica comunitaria riconosciuta dopo il 2009 dalle graduatorie ad esaurimento non può che rappresentare l'ennesima gravissima violazione della Direttiva 2005/36/CE che intendiamo segnalare immediatamente alla Commissione Europea.

Cosa che avverrà il giorno stesso della pubblicazione del nuovo decreto in Gazzetta Ufficiale. Riteniamo ora opportuno dar vita quanto prima ad una associazione (libera e gratuita, quindi senza alcun fine di lucro) che riunisca e rappresenti, presso le Autorità dell'U.E., tutti coloro che, in possesso di una qualifica definita abilitante dallo Stato italiano, continuano, comunque, in sfregio alle norme del Diritto dell'Unione Europea, ad essere discriminati nei confronti dei colleghi con qualifica conseguita in Italia.

2. Docenti precari. Nuove inclusioni nelle graduatorie ad esaurimento. Alla Camera ulteriori precisazioni

(25/02/2012)

comunicato FLC CGIL - Un ordine del giorno approvato dovrebbe garantire l'inserimento anche degli abilitandi e l'inserimento a pettine nel 2014. La FLC chiede un immediato confronto su tutti i temi del reclutamento.

Il Senato aveva approvato un emendamento che, modificando quanto previsto dalla Camera, aveva limitato i nuovi inserimenti degli abilitati/abilitandi (coloro che si erano iscritti ai percorsi accademici abilitanti dopo il 2007) nelle Graduatorie ad Esaurimento, a chi era effettivamente abilitato e solo in una fascia aggiuntiva ( vedi correlati ).

Nel corso della discussione alla Camera, per la conversione in legge definitiva del DL 201/11 (milleproroghe), è stato approvato un ordine del giorno che dovrebbe rendere possibile l' inserimento con riserva anche degli abilitandi e l' inserimento a pettine in terza fascia nel 2014 per tutti coloro che sono nella fascia aggiuntiva, come era nelle intenzioni originarie.

Nell'ordine del giorno si prevede anche la possibilità di inserimento, nella fascia aggiuntiva, per gli abilitati che per vari motivi non sono inclusi nelle graduatorie ad esaurimento.

Questo ulteriore intervento sulle graduatorie, rende ancora più urgente l'avvio del confronto sul reclutamento che il Ministro aveva indicato tra le sue priorità.

Se tale confronto fosse stato avviato per tempo, probabilmente si sarebbe evitato questo rimpallo parlamentare e si sarebbero individuate soluzioni meno "macchinose" e foriere di contenzioso.

Sollecitiamo quindi il Ministro a rispettare gli impegni ed a a convocare al più presto le organizzazioni sindacali.

---- Dettaglio News ----

dante trasp.png

DANTE ALIGHIERI

CENTRO DI FORMAZIONE

No Frame

Ente Accreditato MIUR

No Frame

per la formazione del personale della scuola - Piazza I Maggio, 6 Palmi (RC) Tel. 0966.411460

PIAZZA I MAGGIO, 6 - 89015 PALMI RC

17201bis.jpg

risoluzione consigliata 1280 x 1024

P.I. 02631310808

Calendario Attività Didattiche
This Site Was Created Using Wix.com . Create Your Own Site for Free >> Start